L’archeologia subacquea, può essere intesa come ricerca archeologica estesa al mondo subacqueo anche se, proprio a causa del diverso elemento nel quale l’operatore esplica l’attività – sott’acqua – comporta difficoltà particolari, tali da rendere problematico ogni intervento di studio, gestione, tutela e valorizzazione del patrimonio subacqueo. L’archeologia subacquea racchiude diversi campi di interesse.

L’archeologia navale: lo studio della tecnologia riguardante qualunque tipo di imbarcazione e il relativo equipaggiamento; l’archeologia sottomarina: la ricerca dei resti materiali dell’uomo e delle sue attività sul mare, ma anche la scoperta di porti, approdi, navi e carichi mercantili; l’archeologia fluviale: lo studio dei resti materiali dell’uomo e delle sue attività sui fiumi (insediamenti, attracchi navali, imbarcazioni); l’archeologia lacustre: lo studio dei resti materiali dell’uomo e delle sue attività sui laghi; l’archeologia lagunare: lo studio dei resti materiali dell’uomo e delle sue attività nella laguna, l’archeologia dei pozzi e degli ipogei: settore atipico che prende in considerazione strutture artificiali o cavità naturali, legate a forme di antropizzazione particolari.

di Antonia Sciancalepore

,
Articolo precedente
I Villanoviani del Gran Carro
Articolo successivo
Grotta Romanelli torna a raccontare l’antica storia del Salento

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Menu